RECENSIONE – “Merda d’artista” di Vie Delle Indecisioni 

Piero Manzoni è l’ispiratore delle Vie Delle Indecisioni, giovane band chietina che ha intitolato il proprio album d’esordio “Merdad’artista”. Dall’artista lombardo riprendono lo stile irriverente e dissacratorio che si manifesta nei testi delle loro canzoni, già dalla prima traccia “Giustizia divina”, in cui i versetti dell’Apocalisse vengono annunciati da una vocina poco credibile a cui segue un vivace riff di chitarre dal gusto sacrilego. Si continua con “Lo zoo del Parlamento”, che riprende il topos musicale della malapolitica affrontata con una metafora sul mondo animale. E’ vistosa qui l’ispirazione ai Negrita e al cantato di Pau. Arriva poi “Emma Stone”, chiaro omaggio all’attrice americana, sospirata musa di un sogno erotico dai riusciti contorni pop-rock. La quarta traccia è “Indigesto”, brano canzonatorio sulle fatalità della vita marcato da atmosfere prettamente folk. Si prosegue con la sentimentale “Regina bianca”, che si distacca dalle altre canzoni per sonorità decisamente più pop, ispirate dalla musica leggera italiana di inizio millennio. Concludono il disco “Buon Natale babbo”, che segue la scia pop della precedente song, e la particolare “Potrei ma non Vo(s)to”, una sorta di teatro-canzone sulle indecisioni politiche che affliggono gli italiani negli ultimi tempi.

A fine ascolto, il disco si presenta come un prodotto vario: in ogni canzone riusciamo a cogliere influenze di altre band, ma comunque sono presenti spunti originali che rendono giustizia all’unicità dei brani offerti. I testi sono coraggiosi e irriverenti, le melodie risentono pesantemente del passato da cover band di alcuni gruppi italiani pop-rock, quali Negrita, Litfiba…ma anche altri più leggeri come Cesare Cremonini. Come album d’esordio è un più che ottimo lavoro, totalmente autoprodotto, che dimostra la capacità creativa del gruppo di spaziare tra più generi e di mantenere il suo carattere distintivo.

(in collaborazione con Matteo Pellegrini)

Autore dell'articolo: Federico Acconciamessa

0 commenti su “RECENSIONE – “Merda d’artista” di Vie Delle Indecisioni 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.