“Musica in Fiera”, 2500 visitatori provenienti da tutto il Centro Italia

Sono stati circa 2500 i visitatori della prima edizione di “Musica in Fiera” che si è tenuta lo scorso fine settimana al centro espositivo della Camera di Commercio di Chieti Scalo. Il pubblico, proveniente da tutto il Centro Italia, nello specifico Marche, Molise, Lazio, Campania, Puglia e ovviamente Abruzzo, ha dato giudizio assolutamente positivo nei confronti di un evento che si candida a divenire in pochissimo tempo il punto di riferimento del settore degli strumenti musicali e della formazione di tutta Italia.

Siamo soddisfatti e soprattutto emozionati per quanto accaduto in due giorni di manifestazione – commenta il direttore artistico Claudio Canzano – la corposa affluenza agli stand espositivi, l’interesse da parte dei visitatori e la presenza massiccia di operatori del settore ci fanno credere che possiamo metterci subito a lavoro per la seconda edizione”. E in effetti gli organizzatori Gianluca Tiberio e Tommaso Di Mascio di Starklin, con la regia di Claudio Canzano, danno notizia che sono già pronti per la progettazione dell’edizione 2020. Tra pochissimi giorni – aggiunge Canzano – annunceremo le date del prossimo anno. Novità assoluta sarà l’ampliamento della fiera agli strumenti di liuteria classica e acustica con un padiglione silent appositamente strutturato per questo tipo di musica. Altra idea è quella di aggiungere il lunedì interamente dedicato agli operatori del settore”. L’evento per eccellenza dedicato agli strumenti musicali e alla formazione alla musica è stato un successo non solo in termini di pubblico ma anche di qualità organizzativa e artistica.

Sono stati tanti i musicisti che si sono alternati in demo ed esibizioni live. Dal sound tribale e partenopeo di Tony Esposito alla bacchetta rock di Luca Martelli, batterista di Piero Pelù, dalle note classiche dell’orchestra giovanile Delfico con gli alunni del Liceo Musicale di Teramo coordinati dalla prof.ssa Irene Tella alle inconfondibili melodie di Max Tempia e Massimo Zagonari, musicisti e responsabili del sound di famosi programmi televisivi tra i quali Maurizio Costanzo Show, Buona Domenica e I Migliori Anni. E poi ancora la ricercatezza musicale del duo Francesco Bissanti al pianoforte e Angelo La Manna alla marimba, particolare strumento a percussione di tipo idiofonico che ha origini africane diffuso anche in paesi come Guatemala, Nicaragua, Costa Rica e negli stati messicani di Chiapas e Oaxaca; il funk jazz del trio 3G Hammond con Glauco di Sabatino (batteria), Fabrizio Ginoble (hammond) e Giovanni Baleani (chitarra); l’energia travolgente di Federico Paulovich, giovane batterista apprezzato in tutto il mondo; il live del percussionista cantante Giovanni Imparato che attualmente è impegnato in tour con Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana; il medley dei più famosi brani di Elio e le Storie Tese interpretato dal chitarrista ufficiale del gruppo Cesareo (in foto); l’esibizione del duo Christian Grassart (collaborazioni con Patrick Rondat e Andrea Toffanelli) e Gianni Di Carlo (collaborazioni con Gianni Morandi, Ivana Spagna e Antonello Venditti); la chitarra di Ciro Manna, che vanta esperienze artistiche con Richard Bona e Peppe Vessicchio, accompagnato dal basso di Marco Galiero e dalla batteria di Antonio Muto; in chiusura l’emozionante concerto di Maurizio Rolli e la Conspe Big Band del Conservatorio di Pescara, con la straordinaria partecipazione di Greg Howe, chitarrista di Michael Jackson, Enrique Iglesias e Justin Timberlake.

Tutto questo e tanto altro è stato Musica in Fiera che ha ospitato inoltre tantissime demo musicali, conferenze, un’esperienza riuscitissima di Drum Circle facilitata da Alessandra Massari, momenti di musicoterapia e l’evento “Dj Award 2019” curato da Giorgio Santovito. 8000 i metri quadrati coinvolti per l’iniziativa, tre i padiglioni allestiti, 60 gli espositori presenti con i brand più rappresentativi del mondo degli strumenti musicali, 40 le performance dal vivo e sicuramente tanta buona musica, il collante di un esperimento che già si proietta verso la seconda edizione.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.