Online il videoclip di “Pane e ‘ccicorje” del cantautore vestino Setak

Da ieri è online il videoclip di “Pane e ‘ccicorje”, nuovo brano estratto dall’album di Setak “Blusanza”, riconosciuto nella cinquina finale delle Targhe Tenco 2019 come miglior album in dialetto. Racconta lo stesso Nicola Pomponi in arte Setak: “è un brano sulla lontananza temporanea e sull’ansia positiva che precede il rincontrarsi…emotivamente trovo che sia molto in linea con il periodo che stiamo passando. Le riprese del videoclip di “Pane e ‘ccicorje” erano in programma in questo periodo, poi diventato di quarantena. Abbiamo quindi fatto di necessità virtù – continua il cantautore di Penne – coinvolgendo il pubblico dei social chiedendogli di inviarci dei loro video che ritraessero dei momenti a cui fossero particolarmente affezionati. La risposta è stata immediata e siamo stati sommersi da numerosi contributi, non è stato facile fare delle scelte. Ringrazio quindi di cuore tutti coloro che hanno mandato i loro video, e Ivan D’Antonio che ha diretto e montato il videoclip, dovendo scegliere tra gli oltre 170 contributi arrivati”. 

Di seguito il testo e il video di “Pane e ‘ccicorje”:

Sta strade senza culure
chi nin n’pó ‘bbéve e nin n’pó fijà
li pinzijre allu vende
e m’addummanne si tu vu’ sapè

Chjiude l’ucchjie e mi sende
ca stu tembe nin ‘passe ma tinghe aspittà vuje a’vidè

Gire vende e mi ‘ggire stu córe
che pane e ‘ccicorje e pinzijre
m’ arportane a ‘tte… a ‘tte

cagne lu tembe
e lu Sole mi scacce lu sonne
e ‘ddumane ti pozze abbraccià

Arcunosce tutte li prete
li stelle basse e duva camminà
mi passe la mane n’pette
cuscì m’addorme chi m’haje a ‘rpusà

Si pure uanne si sverne
e si ‘ccale stu vende ti pozze artruvà
‘rrive allu fiume ‘rrive allu mare in ‘rrive a te

Gire vende e mi ‘ggire stu córe
che pane e ‘ccicorje e pinzijre
m’ arportane a ‘tte… a ‘tte

cagne lu tembe
e lu Sole e mi scacce lu sonne
e ‘ddumane ti pozze abbraccià

gire vende e mi ‘ggire stu córe
che pane e ‘ccicorje e pinzijre
m’ arportane a ‘tte… a ‘tte

cagne lu tembe
e lu sole mi scaccje lu sonne
e ‘ddumane ti pozze abbraccjà

                       

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.