Il garage rock degli inglesi The Embrooks questa settimana in Abruzzo per due live

Formatisi alla fine del 1996 nella Vecchia Albione, The Embrooks sono stati fin dall’inizio influenzati dal lunatico garage americano del New England degli anni ’60, per poi cambiare rapidamente rotta verso suoni più aggressivi provenienti dal Regno Unito e dall’Europa di quello stesso periodo, uno stile di transizione che è diventato noto come “freakbeat“. Qui, la band ha trovato la propria vocazione e ha consegnato il loro LP di maggior sucesso “Our New Day”. Hanno intrapreso numerose tournée nel Regno Unito e in Europa e trovarono persino il tempo di attraversare l’Oceano e arrivare fino negli Stati Uniti e in Canada in diverse occasioni. Il successivo LP “Yellow Glass Perspections” vide la band incorporare più elementi psichedelici al loro suono, ma ancora molto radicati nell’aggressivo mod rock che li aveva ben assistiti. Poiché gli impegni esterni erano diventati sempre più dispendiosi in termini di tempo, il trio si è separato amichevolmente a metà del 2005. Nel 2016 sono però tornati di nuovo insieme con il 45 giri “Nightmare”, che ha visto il gruppo di nuovo al top della forma, pronti a consegnare il loro quarto LP, il primo dopo la reunion. Registrato su nastro a 8 tracce presso lo studio North Down Sound a cura della State Records, “We Who Are” è un distillato di raffinatezza di tutto ciò che la band ha fatto fino a questo punto, incorporando elementi di garage, mod psych, folk rock, freakbeat hard-rock…comunque si voglia definirlo, il suono degli Embrooks!

The Embrooks saranno in concerto mercoledì 27 febbraio allo Scumm di Pescara, mentre il giorno seguente giovedì 28 febbraio si esibiranno all’Irish Cafè de L’Aquila.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.