5 concerti da non perdere questa settimana in Abruzzo [5-11 febbraio]

Ritorna la consueta rubrica che consiglia ai nostri lettori i migliori concerti della settimana in terra abruzzese.

Martedì 5 febbraio il cantautore Ermal Meta (in foto) torna in concerto a Pescara, città che negli ultimi anni ha spesso ospitato in concerti poi andati sold out l’artista italo-albanese. Il Teatro Massimo sarà la location ideale per dare sfogo all’estro artistico di Meta, questa volta in compagnia dei Gnuquartet per creare un’atmosfera intima dai suoni acustici che coinvolgerà l’intero pubblico e sarà in grado di muovere emozioni come solo il cantautore sa fare.

Giovedì 7 febbraio arriva al Primo di Chieti il cantautore americano Trè Burt, per la prima volta assoluta in Italia. Proveniente da Sacramento, Trè Burt è uno di quegli artisti che è ancora capace di scrivere canzoni senza tempo, voce chitarra e armonica che si traducono in un folk profondamente radicato nei paesaggi americani. Il suo primo disco “Caught It From The Rye” trasuda dell’urgenza di raccontare le storie.

Venerdì 8 febbraio l’etichetta sperimentale Dio Drone battezza il nuovo anno allo Scumm di Pescara con il primo una serie di appuntamenti a tema in giro per la penisola. Il live club pescarese ospiterà tre band del sottobosco nostrano strette nell’abbraccio scuro della label come il quartetto post hardcore marchigiano Void 00, il progetto sludge noise Nudist e il noise nichilistico dei fiorentini Hate & Merda.

Sabato 9 febbraio primo appuntamento “Urban Things” di febbraio al Beat Cafe di San Salvo. Protagonista il rapper romano Lord Madness che presenterà la sua ultima fatica discografica “3 mg”, in una nuova formazione che lo vede accompagnato in consolle da Mastafive, dj e beatmaker storico del panorama hip-hop italiano. In apertura il collettivo locale Culto formato da DieDave, Funzio, Xunah e Rvndea.

Sabato 9 febbraio fanno tappa a L’Officina di Teramo i marchigiani The Gentlmens. La punk blues band si è formata nel 2004 in un piccolo paese in provincia di Ancona. Dall’esigenza di capitalizzare l’esperienza maturata in questi ultimi anni per allargare e ridefinire il proprio spettro sonoro e la necessità di raccontare cosa stanno incontrando sulla propria strada è nato l’ultimo lavoro della band “Triage”, pubblicato pochi giorni fa.

 

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.