5 concerti da non perdere questa settimana in Abruzzo [22-28 gennaio]

Ritorna la consueta rubrica che consiglia ai nostri lettori i migliori concerti della settimana in terra abruzzese.

Martedì 22 gennaio fanno tappa allo Scumm di Pescara per presentare il nuovo disco gli americani The Morlocks, una delle band fondamentali della scena garage punk 80s della West Coast e fonte di ispirazione per moltissime band. Trasferitosi dalla Spagna alla Germania, il frontman Leighton Koizumi ha riformato qui la band con quattro nuovi elementi ed inciso quest’anno il nuovo album “Bring On The Mesmeric Condition” per la Hound Gawd! Records.

Mercoledì 23 gennaio al Public Enemy de L’Aquila si esibirà insieme alla propria band il cantautore aquilano Cocciglia, che mostrerà in anteprima anche il videoclip del suo nuovo brano “Narciso”, finalista ad Area Sanremo 2018. Dopo “Indisciplinato”, questo è il secondo di cinque singoli che anticipano l’uscita dell’album prevista in primavera per Onda Dischi.

Venerdì 25 gennaio al Beat Cafe di San Salvo arriva direttamente da Berlino il progetto Driftmachine, formato dall’artista visivo e sperimentale Andreas Gerth e dal musicista e produttore ex Lali Puna Florian ‘Flow’ Zimmer. Come Driftmachine hanno pubblicato quattro album e un EP per l’etichetta messicana Umor Rex e si esibiscono dal vivo lavorando in sincronia con due sistemi modulari e proponendo un suono simmetrico e multistrato, profondo ed elegante. Dopo il live selezioni curate dal dj e producer Alex B.

RINVIATO – Venerdì 25 gennaio al Dejavu Drink&Food di Sant’Egidio alla Vibrata tornano I Camillas (in foto) per presentare il nuovo energico lavoro “Discoteca Rock”. Uscito ad ottobre per Trovarobato, il nuovo album de I Camillas è fatto a colpi di allucinazioni in cui ogni colpo spalanca canzoni da ballare, anche male. La band marchigiana sta portando avanti il tour “Festa e Sangue”, concerti-party in cui saranno protagonisti di serate sconvolgenti.

Dall’incontro di ControConvento, Dimora delle Fonti, Majambiente e Paesaggi Sonori è nata l’idea di proporre uno Slow Cultural Concert domenica 27 gennaio nello splendido borgo di Caramanico Terme. Una giornata per vivere con lentezza l’atmosfera di un paesino di montagna ricco di storia e cultura, per poi proseguire all’Ex Convento delle Clarisse, che per l’occasione ospiterà il concerto del duo Nostos, una fanfara transadriatica, un viaggio acustico/elettronico per viola, violoncello, voci e live electronics che ci condurrà dall’altra parte del mare Adriatico, da madre Majella sino ai Balcani, in un cortocircuito geografico di sonorità. 

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.