PESCARA HARDCORE FEST 2017 – Musica e attitudine per cinque giorni a Pescara

Decima edizione per il Pescara Hardcore Fest, che da anni porta nella città adriatica artisti punk/hc di livello nazionale e internazionale. Il percorso iniziato dalla Pescara Hardcore Crew nel 2006 era creare un evento che unisse musica, politica e controcultura e sicuramente le loro intenzioni sono state evidenziate dalle line up e dai programmi della manifestazione negli ultimi anni. Per il decennale la rassegna si amplia e si divide in 5 giornate:

Il festival parte giovedì 20 aprile presso il Bukowski Bar di via dei Bastioni di Pescara. Ingresso libero dalle ore 20 con il live acustico dei Radio Shakedown e il dj set di Stefano Martelli. Sarà inoltre offerto un buffet.

Sabato 22 aprile ci si sposta al Post Bar di via Catone. Si inizia alle 20:30 con la proiezione del film-documentario “Roma HC 88-89” di Giulio Squillacciotti, successivamente ci sarà il live di Nana e infine il dj set a cura della Pescara Hardcore Crew.

Straight Opposition.jpg

Domenica 23 aprile si inizia a fare sul serio e ad alzare vertiginosamente i decibel. Ennesimo cambio di location, questa volta allo Scumm con la serata con band locali. Si parte dalle 21:30 con gli YesNoMaybe, giovane band hc/punk da Pescara/Termoli, per poi proseguire con l’attesa reunion dei Keet Em Murt, quartetto punk di San Severo che torna sui palchi a 4 anni di distanza dallo sciogliomento. La serata si chiude con gli Straight Opposition, punta di diamante della scena hardcore pescarese, e con il rapper CUBA Cabbal, hip-hop militante e politicamente scorretto.

Browbeat.jpg

Lunedì 24 aprile la giornata più lunga con una carrellata di grandi ospiti. Si parte al Qube Club dalle 20 con i Remains in a View, band metalcore da Sulmona, i Baron Samedì, hardcore old school da Mantova, e i Rebel Crew, progetto milanese che mischia punk, rap, hardcore e oi!. La serata continua con un’altra band di Milano, i My Own Voice, seguiti dai gruppi romani dei No More Lies e degli Opposite Force, hardcore old school senza compromessi. Infine sarà il momento dei Browbeat, storica band modenese riunita dopo 10 anni lontana dalla scena, ma già pronta ad infiammare il locale.

Rake-Off.jpg

Serata conclusiva quella del 25 aprile, giornata simbolica della Festa della Liberazione. Si comincia presto, dalle 20, e saranno di scena sempre allo Scumm i Rake-Off, punk/hc band dal centro Italia, e gli Affluente, storico gruppo marchigiano attivo dal 1992 che ama definire il proprio genere “fondamentalismo hardcore”.

Le prime due serate sono gratuite, le serate del 23 e 24 aprile hanno il costo di 5 euro, mentre la serata del 25 aprile ha il costo di 3 euro. E’ richiesta la tessera ARCI per i concerti allo Scumm. L’abbonamento a tutte le serate ha il costo di 8 euro.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.