LIVE REPORT – Salmo e la gang in concerto allo Zoo Music Fest di Pescara

La prima data dello Zoo Music Fest di Pescara conferma pienamente le aspettative riposte in un tutto esaurito da settimane e in due annunci last minute del calibro di Linea 77 Dani Faiv, a riscaldare il pubblico in attesa di Salmo, il rapper sulla bocca di tutti grazie al suo ultimo disco “Playlist” e soprattutto fresco del grande successo del Machete Mixtape 4 che lo vede tra i protagonisti principali.

La serata comincia presto con l’esibizione di Dani Faiv, rapper proveniente dagli ambienti trap (indistinguibile il suono) che negli ultimi tempi è entrato nel giro della Machete Crew prendendo parte anche al quarto mixtape. Poi si scaldano i motori con l’esibizione dei Linea 77, formazione storica dell’alternative metal italiano. La band torinese presenta i brani del proprio repertorio ventennale e i pezzi dell’ultimo disco “Oh”, oltre ovviamente la mina registrata con Salmo alcuni mesi fa “AK77”. Una performance infuocata che alza l’asticella dell’entusiasmo in attesa del vero protagonista della serata Salmo.

 

Il rapper sardo sale sul palco accompagnato dal boato del pubblico poco prima delle 22 con l’introduttiva “90 min”. La prima parte del concerto è ovviamente dedicata ai brani presenti in “Playlist”, disco con cui ha bruciato ogni record italiano di ascolti, ma non mancano pezzi di “Hellvisback” come “Giuda”, “L’alba” e “Mic Taser”. Simpatica gag avviene al momento di “1984” quando Salmo invita sul palco uno spettatore con un cartello in cui chiedeva di suonare la batteria su quel brano. Tanti applausi di incoraggiamento e prova superata alla grande per il fortunato spettatore. Come da aspettativa invece l’ultima parte del live è dedicata al “Machete Mixtape 4” con le ospitate di Dani Faiv e Lazza che propongono all’estasiata platea pescarese hit del momento come “Yoshi”, “Gang!”, “Mammastommale” e un fantastico mash up di “Ho paura di uscire 2” con la techno “I’m losing it” di Fisher.

Salmo con il suo spettacolo di quasi due ore conferma ulteriormente il ruolo di protagonista che si è ritagliato nel panorama nazionale a suon di vendite e tour sold out. Un’ascesa che sembra non arrestarsi, soprattutto dopo il successo meritato del MM4 che porta la sua firma. Un artista nato negli ambienti hardcore ma che ancora oggi si dimostra capace di portare innovazione nella scena urban italiana, sbaragliando la concorrenza nelle classifiche e prendendosi i meritati riconoscimenti. Salmo finora sembra non aver ancora sbagliato un colpo, e il pubblico aspetta ansioso già nuovi lavori.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.