5 concerti da non perdere questa settimana in Abruzzo [4-10 dicembre]

Ritorna la consueta rubrica che consiglia ai nostri lettori i migliori concerti della settimana in terra abruzzese.

Giovedì 6 dicembre al Sound di Teramo arrivano in concerto i francesi Oakman. La musica del trio proveniente dal nord di Lione è un pop punk sentimentale, muri di suono con un tocco di romanticismo. Marine scrive e canta in inglese sulle relazioni umane, le cose lasciate non dette, l’amore, la natura e, alla fine, la speranza in continuo contrasto tra aggressività e armonia.

Venerdì 7 dicembre torna al Pin Up Disco & Live di Mosciano Sant’Angelo il rapper romano Gemitaiz (in foto). Reduce dal clamoroso successo di “Davide”, il suo terzo album in studio che ha collezionato milioni e milioni di ascolti sulle piattaforme di streaming online grazie anche ai proficui featuring con Coez, Achille Lauro e Gue Pequeno, Gemitaiz torna nei live club per il “Paradise Lost Club Tour”.

Venerdì 7 dicembre gli Sherpa recuperano il concerto rinviato il mese scorso a L’Officina di Teramo. La band abruzzese presenterà il secondo disco “Tigris & Euphrates”, album nato dalla necessità di scavare profondamente nei meandri oscuri dell’evoluzione dell’essere umano. Un’evoluzione osservata dal punto di vista del linguaggio e di come esso, nel suo costante mutamento, abbia profondamente modificato i rapporti fra gli esseri umani.

Sabato 8 dicembre attesa allo Scumm di Pescara per il ritorno sulle scene de I Farabutti. La band si inserisce nella scia già tracciata da molte band proponendo un cocktail di rarità “italo garage beat”, chicche estratte da colonne sonore e misteriose b-sides, oltre a pezzi originali che raccontano di pornodivi dei gloriosi 70’s, rapimenti alieni, boxeur corrotti urlando a squarciagola contro l’attuale società del disagio. Dopo il concerto fino a notte fonda il dj set a cura di Dannata Balera.

Sabato 8 dicembre in scena al Beat Cafe di San Salvo Youarehere, tra i migliori progetti italiani di elettronica degli ultimi anni. Con l’ultimo disco “Plus Ultra”, pubblicato quest’anno da Fresh Yo! Label e ispirato ai colori puri e immateriali dell’artista Yves Klein, il trio amplia i propri orizzonti musicali con sonorità più glitch, atmosfere chillwave e ritmiche da dancefloor senza tralasciare i beats sintetici e i suoni industriali che li avevano caratterizzati in precedenza. Dopo il liveset le selezioni curate dal producer abruzzese Alex B.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.