5 concerti da non perdere questa settimana in Abruzzo [11-18 settembre]

Ritorna la consueta rubrica che consiglia ai nostri lettori i migliori concerti della settimana in terra abruzzese.

Mercoledì 12 settembre il quintetto Lo Straniero si esibirà all’Irish Cafè de L’Aquila. La band piemontese nasce nel 2014, per poi iniziare una gavetta fatta di numerosi contest e riconoscimenti che li porterà ad un primo tour di trenta date già nel 2015. L’anno seguente pubblicano l’omonimo album d’esordio per La Tempesta Dischi: l’album è ben accolto dalla critica e la band chiude con un tour di quaranta date e partecipa ad alcuni importanti festival e rassegne come Mi Ami e l’Alta Felicità.

Venerdì 14 settembre torna la musica live al Dejavu Drink&Food di Sant’Egidio alla Vibrata con il live di Nikkè. Il musicista abruzzese (nonché dottore in psicologia con specializzazione in musicoterapia) ha da poco pubblicato il suo nuovo disco “Tutti i me”, in cui mescola hip-hop con influenze reggae, funky e cantautoriali. L’apertura del live è invece affidata all’indie rock lo-fi del chitarrista locale Peeno.

Venerdì 14 settembre torna invece alla Birreria degli Artisti di Notaresco Rebecca Noelle, artista canadese dotata di una grande voce. Da menzionare infatti la sua partecipazione a The Voice Canada, dove si è classificata al secondo posto. Ad accompagnarla in questo suo ritorno in Abruzzo saranno quattro grandi musicisti come Remo Leonzi, Fabrizio Ginoble, Michele Rapini e Tommaso Paolone.

Sabato 15 settembre fa tappa alla Festa dell’Unità di Pescara la cantautrice marchigiana Maria Antonietta (in foto di Luca Zizioli), per la prima volta in Abruzzo per presentare il suo nuovo disco “Deluderti”. Scritto nella campagna di Senigallia dove vive, l’album è stato anticipato dal singolo “Pesci”, prodotto da lei insieme al cantautore corregionale Colombre. Il concerto sarà aperto dalla band teatina Vie delle Indecisioni, che concluderà il tour estivo di “Batracomiomachia”.

Sabato 15 settembre il collettivo asiatico Chinabot sbarca al Garbage Live Club di Pratola Peligna. Il progetto Chinabot è formato da due artisti provenienti da Thailandia e Cambogia. Pisitakun arriva da Bangkok e crea arte visivi e musiche ispirate da eventi storici, suoni sintetici e strumenti musicali. LAFIDKI è invece nato in un campo profughi tailandese da genitori cambogiani, è cresciuto in Francia ed ora è di stanza a Londra, dove continua a produrre musica elettronica sperimentale.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.