Paesaggi Sonori torna in primavera con “Preludio d’estate”

La primavera è alle porte e con essa la terza edizione di Paesaggi Sonori, il festival itinerante che si svolge in Abruzzo tra le vette e gli altopiani dell’Appennino e le abbazie e i centri di rilevanza storica e artistica. Una manifestazione che in passato ha coinvolto virtuosi musicisti anche di fama internazionale accendendo i riflettori sulle bellezze della nostra regione attraverso concerti in alta quota, esibizioni al tramonto o in notturna in luoghi mozzafiato raggiungibili solamente a piedi. Una rassegna che deve essere un fiore all’occhiello per l’Abruzzo intero. Pochi giorni fa sono stati annunciati i primi eventi primaverili, una serie di appuntamenti che di fatto è stata nominata “Preludio d’Estate”.

Si comincerà sabato 24 marzo nella splendida cornice del Teatro Comunale di Atri con il concerto degli americani Balmorhea.  Il  progetto fondato da Rob Lowe e Michael Muller nel 2006 ad Austin prende il nome da un piccolo paesino del Texas e musicalmente riflette proprio motivi e immagini del sudovest americano in un sound strumentale e suggestivo che spazia dal folk, al post-rock, all’avanguardia. Negli anni il gruppo ha accolto nuovi membri, tra cui una sezione d’archi e percussioni, che hanno arricchito ulteriormente lo spettro sonoro della band. Da poche settimane è stato pubblicato il loro sesto album “Clear language, un disco che si muove tra sintetizzatore, pianoforte, vibrafono, archi e chitarra con un ancor più scarnificato approccio minimal capace di pennellare paesaggi onirici tramite brevi loop di synth e strumentazione acustica. L’apertura del concerto è affidata al tedesco Martyn Heyne, compositore e chitarrista post folk. L’evento, organizzato in collaborazione con l’ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, è di fatto l’anteprima dell’IndieRocket Festival 2018 ed inoltre coinciderà con la manifestazione globale “Earth Hour” indetta da WWF per sensibilizzare la popolazione ai temi del cambiamento climatico e del risparmio energetico. Paesaggi Sonori insieme ai Balmorhea e al pubblico sosterranno questa iniziativa prevedendo per l’occasione una sorpresa molto affascinante e insolita durante l’esibizione. I biglietti sono disponibili in prevendita online a partire da 14 euro.

 

Domenica 15 aprile la rassegna prosegue nel microcosmo rurale di Pollinaria, centro artistico e azienda agricola situata tra Civitella Casanova e Loreto Aprutino. Una giornata intera nelle colline pescaresi, al mattino una passeggiata botanica tra uliveti, vigneti, noceti e querce secolari, poi il lauto picnic con prodotti biologici a km0 e il concerto degli australiani Tim McMillan e Rachel Snow nella casa sull’albero. Il virtuosismo del chitarrista Tim McMillan, capace di fondere folk, jazz, blues, classica, rock e blues in maniera variopinta, si unirò al violino di Rachel Snow. Le loro performance live sono diventate popolari grazie ad una certa dose di sense of humor, ad uno storytelling affascinante e all’abilità nel coinvolgere il pubblico. Il duo presenterà il suo ultimo album “Hiraeth”, un disco dinamico che spazia dal rock acustico alla chitarra fingerstyle e alla musica da camera progressive.

 

 

Sabato 21 aprile il festival Paesaggi Sonori si apre ai contesti urbani rigenerati e in tre serate prenderà parte alla rassegna Matta Festival, che si svolge nell’omonimo Spazio di Pescara. Protagonista del primo evento sarà Erica Mou, vecchia conoscenza di Paesaggi Sonori che si esibì nel 2016 nel suggestivo panorama di Rocca Calascio. La cantautrice pugliese presenterà il suo nuovo disco “Bandiera sulla luna”, che racconta la conquista di nuovi spazi interiori, così sconosciuti e desiderati da rappresentare “la luna”. L’album descrive una generazione intera e la sua irrequietezza, trattando la capacità di amare senza possedere e di comunicare in maniera diretta senza vergognarsi. E’ il primo disco che Erica Mou scrive totalmente lontana dalla sua terra d’origine, la Puglia, dato che è stato composto soprattutto a Roma, ma anche in Portogallo, Francia e Cambogia. L’ingresso al concerto ha il costo di 15 euro.

 

Domenica 6 maggio sarà il turno di Piero Delle Monache, talento pescarese annoverato tra i dieci migliori sassofonisti d’Italia. Delle Monache presenterà il suo spettacolo “SoloSé”, fatto di suoni di sassofono, loop, molta elettronica, piccole percussioni, voci fuori campo e tricks varie in una versione intima, quasi un site-specific pensato per lo Spazio Matta. La parte strumentale sarà accompagnata da poche voci fuori campo, ma l’intero concerto manterrà un elevato grado di narratività. Uno dei punti di forza dello spettacolo è la grande elasticità strutturale che ne permette l’adattabilità in diverse declinazioni, senza tuttavia snaturare il progetto. “SoloSé” è stato applaudito al Museo del Tessuto di Prato, al Macro di Roma e sempre nella città capitolina ha incantato il pubblico della Casa del Jazz. Non meno importante la serata pescarese al Teatro Massimo e la prima embrionale performance in solo a Parigi, nell’ottobre del 2012, nell’ambito dei concerti organizzati per Suona Italiano e promossi dall’Istituto Italiano di Cultura. L’ingresso al concerto ha il costo di 10 euro.La collaborazione tra il Matta Festival e Paesaggi Sonori si concluderà domenica 13 maggio con l’esibizione del complesso Music For Eleven Instruments. L’orchestra immaginaria torna in scena con il nuovo disco “At The Moonshine Park with an Imaginary Orchestra”, in cui si mescolano con eleganza ottoni ed archi, elettronica e ritmi trascinanti, melodie evocative che scivolano tra i fraseggi di piano, le dolci note squillanti del glockenspiel, suoni primaverili che si intrecciano con atmosfere più umbratili. L’ingresso al concerto ha il costo di 10 euro.

 

Per il mese di maggio e giugno sono stati annunciati i concerti della cantante anglo-portoghese Nessi Gomes e della cantautrice italiana Joan Thiele, ma non sono state diramate ancora le location delle esibizioni ed eventuali altri live. Per il momento il pubblico abruzzese può godersi il “Preludio d’Estate” con questi primi cinque imperdibili appuntamenti!

 

 

Autore dell'articolo: Federico

2 commenti su “Paesaggi Sonori torna in primavera con “Preludio d’estate”

Rispondi a 5 concerti da non perdere questa settimana in Abruzzo [20-26 marzo] – Abruzzo Live Music Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *