I Nomadi ad Avezzano per un doppio concerto a fine gennaio

Vagano per l’Italia ormai dal 1963 e in cinquantacinque anni ne hanno macinati di chilometri, tuttavia non per motivi legati ad una scelta di stile di vita come suggerito dal nome (battuta pessima): stiamo parlando degli storici Nomadi che regaleranno al pubblico abruzzese due date, il 29 e 30 gennaio, al Teatro Dei Marsi di Avezzano. Nel lontano 1965 esordiscono con il loro primo 45 giri “Donna prima donna”, mentre l’anno successivo inizia la collaborazione con Francesco Guccini che porterà alla nascita di due pietre miliari della musica italiana come “Noi non ci saremo” e “Dio è morto”. Il 1977 è l’anno di “Io Vagabondo”, canzone che continua ad essere un inno per molti giovani e il simbolo della band. Da qui l’ascesa: partecipazioni televisive, presenza alle manifestazioni canore e numerosi lavori discografici che porteranno la band ad avere un riconoscimento ufficiale da parte di critica e pubblico. Le diverse sostituzioni all’interno del gruppo avvenute nel corso degli anni non hanno avuto ripercussioni sul sound che riesce invece a a rinnovarsi, modernizzarsi e trarre linfa musicale da ogni nuovo componente. Con 90 concerti all’anno in tutta la Penisola e una media annuale di 1.000.000 di spettatori che comprendono bambini, genitori e nonni, creando così quello che si può definire il “popolo nomade”, hanno assunto anche la nomina di gruppo più longevo in Italia e prima di loro solo i Rolling Stone. Fra dischi in studio, live e raccolte oggi la band conta 52 lavori, per un totale di 15.000.000 di copie vendute, ma i numeri importanti non finiscono qui: 100 fans club dal Trentino alla Calabria e oltre 150 Cover Band. Con tutto il sostegno dei loro fan abruzzesi presenteranno il loro ultimo album,”Nomadi dentro” perché, come si legge sul loro sito ufficiale “Per cantare le loro canzoni bisogna essere Nomadi dentro”. I biglietti dei due concerti marsicani partiranno da 25 euro.

Nomadi.jpg

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.