Il primo appuntamento Fazenda del 2018 è il 6 gennaio al Sound con gli Indianizer

Cosa vuol dire esattamente Indianizer? Significa “indianizzatore”, è una vocina nella testa che ti fa desiderare spiagge tropicali ed enormi elefanti bianchi. E’ un tasto speciale che ogni persona possiede dentro di sé, spesso senza esserne realmente conscio. Se premuto avvia un processo di cambiamento irreversibile, ovvero la scoperta di tutto ciò che non gli appartiene, la curiosità di esplorare culture, tradizioni, costumi e visioni differenti. E’ da qui che prendono ispirazione gli Indianizer, il gruppo formato dal chitarrista e cantate Riccardo Salvini, dal batterista Gabriele Maggiorotto, dal tastierista Salvatore Marano e dal chitarrista Matteo Givone. Ogni loro concerto è unico, in cui istinto ed improvvisazione meditativa si alternano a veri e propri tsunami di onde sonore continuamente in equilibrio sotto le onde dell’oceano, ricercando mondi che non esistono se non nei sogni. Saranno proprio gli Indianizer ad aprire musicalmente il 2018 della Fazenda di Teramo.

L’evento si svolgerà sabato 6 gennaio presso il Sound di Teramo, l’ingresso è riservato ai soci Endas.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *