LIVE REPORT – Venus In Furs in concerto allo Scumm di Pescara il 21 dicembre

E’ raro trovare di questi tempi una band con il rock nelle vene come i Venus In Furs, soprattutto se appartiene al cosiddetto filone indie italiano che negli ultimi tempi sembra aver smarrito la bussola. Dalla florida città di Pisa, già patria artistica di gruppi come The Zen Circus e Criminal Jokers, e con un nome così evocativo, i Venus In Furs giovedì scorso per la prima volta sono arrivati a Pescara per proporre il meglio dei loro tre album.

I toscani Venus In Furs fanno da apripista ad una serie di live allo Scumm di Pescara che coinvolgeranno band del circuito indie rock italiano, con nomi di livello già in programma come I Botanici e Altre di B. Il trio sbarca giovedì 21 dicembre in una Pescara in pieno clima natalizio, con un gran freddo che ha già fatto fuggire a casa i fuorisede.

Di scena nella più spaziosa Cave Room, la band da subito riscalda l’atmosfera con la furiosa accoppiata “Battle” e “Vieri“, presagi del rumore che attanaglierà il locale per il resto della serata. Il concerto avanza con le scalpitanti “Nazisti” e “Las Vegas” e la solita bonarietà toscana mostrata dal palco dai musicisti nonostante i problemi tecnici avuti in fase di check. La scaletta trascura l’EP “B.R.A.!” e pesca principalmente dal primo e ultimo disco, proponendo infatti “Dammi tempo“, “Non ti chiederò mai” e “Ogni maledetta domenica“. Si prosegue con “Anita così non vale” e “Semplifica” che chiudono idealmente la prima parte del live. Difatti il bassista Zorro e il batterista Giovanni Boschi abbandonano lo stage per lasciare la scena al solo Claudio Terreni che esegue chitarra e voce la splendida “Giulio“, poi tutti ritornano ai propri posti per l’interessante cover di “Angel” dei Massive Attack. Il ritmo risale vertiginosamente con “Datemi fuoco” e “Io odio il mercoledì” e si mantiene ad alti livelli fino alla chiusura del concerto con “Leggings” e “Cecilia e la sua famiglia“.

Era tanto che non ascoltavo dal vivo una band italiana del genere, con una padronanza assoluta del palco che dimostra la costante attività live del gruppo in questi comunque brevi anni di carriera. I Venus In Furs si rifanno ad un hard folk-rock essenziale coniugato sapientemente ad un linguaggio indie mai banale, una formula che ha fatto le fortune di alcune formazioni compaesane della band. Il loro unico peccato? Esibirsi in un contesto storico nel quale il rock è sempre più marginalizzato e sottovalutato, ma per nostra fortuna i Venus In Furs se ne sbattono altamente e proseguono controcorrente il loro viaggio.

2.jpg

Autore dell'articolo: Federico

1 commento su “LIVE REPORT – Venus In Furs in concerto allo Scumm di Pescara il 21 dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.