LIVE & FOTO REPORT – Lo showcase di Ghali al Pin Up di Mosciano Sant’Angelo

Ghali still fenomeno: agli sgoccioli del 2017 il rapper italo-tunisino è ancora sulla bocca di tutti. Forse per il fatto di essere anche il più famoso artista italiano di seconda generazione, l’argomento sottolineato maggiormente nelle sue ospitate radio-televisive. Fortunatamente il rapper nato nella periferia milanese anche sul palco riesce a cavarsela bene.

Il Pin Up Disco&Live di Mosciano Sant’Angelo annuncia a sorpresa a fine novembre l’imminente showcase di Ghali previsto per il 7 dicembre. L’evento inizia a rimbalzare sui social creando così un certo clamore per uno degli artisti più seguiti del momento. Dalla provincia pescarese anche noi ci rechiamo presso il live club teramano, proprio all’uscita del casello autostradale di Mosciano Sant’Angelo. Il locale è pieno di ragazzi di tutte le età, dal bambino con i genitori al suo primo concerto fino ad arrivare all’adolescente totalmente in fissa con la trap. Allora ci pensa Deliuan in consolle a far subito prendere bene la situazione selezionando il meglio della nuova scena rap italiana come Izi, Guè Pequeno, Capo Plaza etc. Poi il dj dà il cambio a Dev ed entra finalmente in scena lui.

ghali2pinup191217

Con addosso un appariscente giubbotto arancione che toglierà al più presto, Ghali parte  subito forte con “Wily Wily”, forse il suo brano più politico in cui affronta con coraggio temi come Islam, terrorismo e integrazione. Di tutt’altro spessore “Ricchi dentro“, molto più pop ma comunque un sincero racconto sulla sua nuova vita. Sul palco l’artista italo-tunisino si muove con un certo savoir-faire, a stretto contatto con un pubblico inizialmente tiepido ma forse impreparato ai brani meno recenti. Si continua infatti con le stilose “Cazzo mene” e “Sempre me“, che da poche settimane sono finite nella sua nuova uscita su Spotify “Lunga vita a Sto”, che raccoglie le prime canzoni pubblicate inizialmente su YouTube.

ghali3pinup191217

Marijuana” fa strabuzzare gli occhi a più di un genitore presente nel locale, ma non c’è neanche il tempo di realizzare cosa stiano ascoltando i propri figli che arriva la prorompente “Habibi“, il singolo più pompato in radio dell’artista negli ultimi giorni. Il pubblico inizia lentamente a scaldarsi ed accoglie entusiasticamente “Pizza Kebab“. Paradossalmente è proprio nei brani più recenti che Ghali passa in playback, perdendo molto di quella grinta anche scenica con cui aveva iniziato il live.

ghali4pinup191217

L’esibizione entra già nella fase finale con “Dende“, constatando tristemente che neanche oggi abbiamo visto Salvini al suo live. Poi Ghali intraprende un bel discorso sui sogni che vanno inseguiti a tutti i costi e propone (credo simbolicamente) la canzone che gli ha permesso di entrare in questo suo grande sogno, la pluricliccata “Ninna nanna“. Ma non c’è tempo per dormire che subito parte la sveglia di “Happy days“, ultimo brano in scaletta con cui il rapper milanese si congeda dal pubblico ancora in visibilio.

ghali15pinup191217

Uno showcase certamente non placa la fame dei fan più accaniti e forse non rende neanche giustizia al potenziale di Ghali. Quello di giovedì 7 dicembre è stato un live con alti e bassi, ma bisogna comunque riconoscere all’artista la capacità di calamitare a sé il pubblico, con cui interagisce costantemente per l’intera durata dell’esibizione lanciando t-shirt della Sto Clothing o riprendendo il suo stesso live con il telefono di una fan. Una buona fetta di pubblico in Italia crede fortemente in Ghali, vede in lui una ventata di modernità e molto potenziale ancora inespresso. Da un personaggio pop come il suo, così attento ai dettagli e unico nella gestione indipendente del merchandising e della produzione e promozione dei dischi, ci si aspetta un concerto che lo distacchi da una certa scena oggi forse troppo autoreferenziale ed alzi nettamente l’asticella della qualità del live rap in Italia . Al momento rimane comunque lui il solo ad esserne in grado.

(fotogallery di Antonello Campanelli)

ghali5pinup191217

ghali7pinup191217

ghali8pinup191217

ghali9pinup191217

ghali10pinup191217

ghali12pinup191217

ghali13pinup191217

ghali16pinup191217

ghali18pinup191217

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *