ONIRICO FESTIVAL – Il programma completo della manifestazione musicale in arrivo a giugno nella Fortezza Borbonica di Civitella del Tronto

Pochi giorni alla partenza ufficiale dell’Onirico Festival 2017, la rassegna musicale più importante della provincia di Teramo che porterà a Civitella del Tronto alcuni tra i più promettenti artisti italiani. Il festival, organizzato dal Dejavu Drink&Food di Sant’Egidio alla Vibrata, quest’anno cambierà location, dopo le passate edizioni svoltesi nel Parco della Musica del paese vibratiano. L’edizione annuale si svolgerà nella magnifica cornice della Fortezza Borbonica di Civitella del Tronto, fiore all’occhiello del piccolo comune teramano. La scelta non è insolita, ma è volutamente inserita in un’azione di rilancio del turismo nella Val Vibrata, un territorio vessato e spopolato dai recenti terremoti. La musica sarà la protagonista delle quattro sere che si estenderanno per tutto il mese di giugno, e allora vediamo chi saranno gli attori principali della rassegna:

Si comincia venerdì 9 giugno con Coez, pronto ad inaugurare l’Onirico Festival dopo la data invernale del 12 gennaio al Dejavu. L’artista romano allora proponeva il suo esperimento “From the Rooftop”, che prevedeva cover e suoi brani in una versione inedita voce e chitarra. Questa volta l’ex Brokenspeakers presenterà il suo ultimo disco “Faccio un casino”, consacrazione quasi definitiva per un cantante mai banale, che in questo album riesce ad amalgare un sound hip-hop moderno e un cantautorato con richiami “indie”. L’apertura del concerto è affidata a Mudimbi, rapper che ha dato poco pubblicato il suo primo vero album “Michel”, che ha già attirato numerosi attenzioni per l’originalità e l’eccentricità dei suoi brani. L’ingresso della serata ha il costo di 12 euro.

Coez.jpg

Venerdì 16 giugno si bissa con il live dei The Zen Circus. La band pisana arriva per la prima volta in terra abruzzese a presentare il suo nono lavoro in studio “La terza guerra mondiale”, un concentrato esplosivo di alternative rock fatalista che ha confermato la potenza del gruppo, specialmente nella dimensione live. Appino e soci non mancheranno comunque di eseguire brani storici che hanno segnato l’inizio del loro successo, come “Vent’anni” o “Andate tutti affanculo” . In apertura al trio toscano ci saranno i Canova, emergente pop band milanese fresca del successo del suo primo disco “Avete ragione tutti”. Il gruppo è impegnato in un fitto tour estivo che toccherà quasi tutte le regioni italiani. L’ingresso della serata ha il costo di 12 euro.

The Zen Circus.jpg

Venerdì 23 giugno alla Fortezza Borbonica arrivano i Modena City Ramblers, storico gruppo combat folk italiano. La band emiliana è impegnata nel tour di “Mani come rami, ai piedi radici”, il quattordicesimo album della loro venticinquennale carriera. Il solito e inconfondibile sound irish-folk fa da sfondo anche a quest’ultima fatica in studio, che li ha portati nuovamente sui palchi italiani per il loro grintoso show, in cui mescoleranno nuovi brani e vecchi successi storici, che ancora oggi emozionano e fanno ballare migliaia di persone. Il concerto sarà aperto dagli Area765, progetto folk rock nato dalle ceneri dei Ratti Della Sabina, storico gruppo folk reatino. La band è spesso ospite della provincia teramana, dove è ancora molto apprezzata. L’ingresso della serata ha il costo di 12 euro.

Modena City Ramblers.jpg

Venerdì 30 luglio serata finale con Levante, una delle più promettenti artiste italiane. La giovane cantante siciliana ha compiuto il cosiddetto salto di qualità con “Nel caos di stanza stupefacenti”, il terzo album della sua carriera pubblicato dalla Carosello Records nel 2017 che sta riscontrando un ottimo successo di vendite e passaggi radio. Levante ha le carte in regola per diventare una vera e propria popstar, capace di innovarsi e al tempo stesso restare fedele al suo stile unico nel corso dei suoi tre album. L’apertura del concerto è affidata ai Kutso, pop-rock band romana che fa dell’ironia il suo cavallo di battaglia. Il gruppo capitanato da Matteo Gabbianelli è lontano da un paio d’anni dagli studi di registrazione, ma continua ad essere contattato per suonare i brani dei suoi due album “Musica per persone sensibili” e “Decadendo (su un materasso sporco)”. L’ingresso alla serata ha il costo di 15 euro.

Levante.jpg

Per i biglietti di ingresso allo spettacolo unico non ci saranno prevendite e quindi nessun costo aggiuntivo come diritto di prevendita, ma si potranno acquistare solo ed esclusivamente la sera del concerto presso il botteghino della Fortezza, all’apertura dei cancelli alle ore 20. Gli abbonamenti hanno il costo di 30€ + 3€ d.p. e sono disponibili online sui circuiti Ciaotickets e presso il Dejavu Drink&Food di Sant’Egidio alla Vibrata.

Autore dell'articolo: Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *